Casa sempre in ordine, ovvero come impedire al Caos di impossessarsi di noi

Vi piacerebbe imparare a tenere la casa in ordine in pochissime mosse? Ho messo la mia esperienza al vostro servizio scrivendo un piccolissimo manuale che potrete trovare in formato ebook su Amazon qui

Intanto vi metto un piccolo estratto…

“Oddio, ma serviva davvero all’umanità un altro libro sull’ordine, direte voi? Ce ne sono a bizzeffe, ne ho letti mille e la mia casa è comunque un continuo caos, perché dovrei buttare altri soldi per sentirmi dire quello che in realtà non ho voglia di fare e per continuare comunque a sentirmi inadeguat*? E lo so, cari miei, lo capisco, conosco benissimo quel senso di impotenza e di sconforto che prende alla gola all’incirca un’ora dopo aver finito di mettere a posto (e ovviamente aver fotografato per i social!) la casa finalmente in ordine… perché la verità è che basta un’ora, mica tanto di più, anzi forse anche meno, per far sì che il Caos (per non dire il casino!) si impossessi nuovamente di noi, della nostra vita e di tutti gli ambienti di casa! La realtà è che tenere la nostra dimora in ordine e pulita sembra alla maggior parte delle persone una lotta impari contro una Forza oscura, più grande di noi, pesante come lo Spleen di Baudelaire, che ci sovrasta, ci annienta, ci mette all’angolo, soprattutto quando si ha un lavoro full time e/o si è genitori: la mattina è una sempre corsa contro il tempo, il pomeriggio ci sono sport e compiti, la sera si rientra all’ora di cena e così non riusciamo a trovare il tempo per riordinare il caos che ci gravita intorno, anche perché i figli richiamano la nostra attenzione, gentile eufemismo per dire che rompono le palle, fra compiti e giochi! Così i piatti si accumulano nel lavandino, la polvere si posa sui mobili come la neve a Cortina, i giocattoli si infilano nelle parti più disparate di casa come se una mano invisibile si divertisse a lanciarli, e il Caos, lentamente ma inesorabilmente… si impadronisce di noi!

Capitolo 1

Dell’ordine e della salute E niente, per un attimo mi volevo sentire un po’ Cesare Beccaria con il suo “Dei delitti e delle pene”, anche se in realtà sono una semplice scrittrice da strapazzo! Tornando con i piedi per terra, dunque, in questo primo capitolo si parla di ordine, certo, ma anche di salute. Inutile dire che a nessuno, neppure ai più disordinati, piace vivere in questo modo, nel disordine, nella sporcizia infida, cioè quella nascosta, quella che vanno a cercare soltanto le suocere più rompipalle, insomma nel Caos più totale!”

… continua…