Alla scoperta del pensiero creativo



Discorsi impegnativi oggi… Voglio raccontarvi cosa è per me il pensiero creativo, ovvero, il cercare di trasformare l’impossibile in possibile, il negativo in positivo. Siete donne creative? Allora, per spiegarmi meglio, è come dipingere un fondo nero con tutti i colori dell’iride. Non avete ancora chiaro il concetto? Cercherò di farmi capire meglio.

Vi capita mai di sentirvi oppresse? Gli impegni quotidiani, le bollette, il mutuo, i figli con i loro problemi, una multa, la macchina rotta, tutto l’universo che sembra remare contro di voi… Quando arriva il momento di urlare, io cerco di respirare, e di pensare. Per me il pensiero creativo significa attingere a quella infinita riserva di energie e di insospettate capacità che Albert Einstein aveva individuato in ciascun essere umano, a patto di saperle riconoscere: “Solo così, soltanto se riusciamo a convincerci che esse esistono, possiamo farne appello” diceva. Questo è il momento di pensare ‘i nostri pensieri’, se mi permettete il gioco di parole, che creano le nostre azioni, che producono poi in qualche modo i risultati nella nostra vita. Io li penso come fossero già realtà, questi momenti positivi, perché i momenti negativi a volte diventano una catena che non si può spezzare solo lamentandosi: di un lavoro che non va bene, di una relazione affettiva che non funziona, di una vita vissuta con il freno a mano tirato, colorata di insoddisfazione, di un aspetto estetico insoddisfacente. E chi mi conosce e mi segue, sa che io per prima parlo a ragion veduta.
Il problema è all’origine.
Il problema è anche il pensiero negativo, che ha creato in parte quella realtà che adesso non ci piace più. Tutti abbiamo pensieri negativi. Fanno parte di noi, si sono insinuati nella nostra crescita e adesso sono lì, una zavorra sul nostro cammino di evoluzione.

Capire da dove vengono quei pensieri e in che modo liberarsi da loro è già pensare creativamente. Solo così, gli obiettivi e i risultati che sembravano irrealizzabili si possono materializzare nella realtà: dandole una nuova “mano di vernice”: anche solo scegliendo di avere un nuovo aspetto, una nuova acconciatura, una tinta diversa, un nuovo taglio, i pensieri positivi sostituiscono quelli negativi. Perché trasformarli dipende solo da noi. Da te…